Un autentico falso d’autore digitale

Un autentico falso d’autore digitale

Da sempre il fake riveste un ruolo fondamentale nell’arte. Dai falsi d’autore di De Chirico alle provocazioni di Dalì, il “non vero” rappresenta un’inesauribile fonte di creatività.

Le infinite potenzialità del web hanno elevato il fake a opera d’arte, strumento di comunicazione e marketing: se anche voi come me ricevete continuamente mail da Enlarge Your Penis, sapete di cosa sto parlando. E non mi riferisco alla vostra salute sessuale.

Comunque, il concetto è semplice: il web è in grado di generare più arte di quanta sia mai stata prodotta nel corso dei secoli.

È questa la base di partenza dell’ultima geniale opera/provocazione degli 0100101110101101.org, l’ostica sigla dietro la quale si nascondono i net artist e sabotatori media Eva e Franco Mattes, già autori di progetti ad alto impatto mediatico come No Fun, FTP Permutations e Darko Maver.

Catt, questo il nome dell’opera, si basa su una semplice considerazione: perchè il falso d’autore ha un valore riconosciuto e condiviso, al contrario del fake digitale?

Ecco quindi la scommessa: la prima foto scaricata a caso dal web diventerà un’opera d’arte.

Il fake di Cattelan

Detto fatto: gli 0100101110101101.org selezionano un’immagine a caso: un gatto chiuso in una gabbia per uccellini, con un uccellino sopra la gabbia.

L’immagine viene affidata a un impagliatore che realizza una scultura di ottima fattura, talmente pregevole da assomigliare a un’opera di Maurizio Cattelan, vulcanico artista italiano le cui opere sono oggi tra le più quotate al mondo.

Catt viene quindi presentata alla Inman Gallery Annex di Houston, Texas, che decide di esporla: dopotutto, stiamo parlando di un’opera di Cattelan…

L’accoglienza tributata alla scultura è positiva, sia da parte del pubblico sia da parte degli addetti ai lavori: «Un’opera tragica e comica allo stesso tempo: l’approccio ironico e anti-autoritario di Cattelan emerge in tutto il suo splendore». Mecenati e galleristi iniziano a farsi avanti con assegni a cinque zeri, la notizia viene ripresa dalla stampa specializzata di tutto il mondo, rafforzando ulteriormente il valore dell’opera

A questo punto non resta che portare a termine il progetto: gli 0100101110101101.org rivelano che Catt non è di Cattelan, che è stata fatta da un (pur bravo) impagliatore e che l’immagine è stata presa a caso sul web. La notizia viene ripresa, questa volta dai blog (come il nostro), portando a termine con successo il sabotaggio mediatico di Eva e Franco Mattes.

Il cerchio si chiude, il fake ritorna sul web dopo un breve momento di gloria nella vita reale.

In fondo ci hanno guadagnato tutti: gli 0100101110101101.org, Maurizio Cattelan, la Inmax Gallery.

Tutti tranne il gatto.

L'autore

Lascia un commento