A Million Little Pictures

A Million Little Pictures

Eccomi, primo post per il sottoscritto sul blog Dunter. Dopo mesi di silenzio involontariamente voluto mi accingo a occupare il mio piccolo spazio nella rete. Il mio primo post racconta un progetto affascinante e genialmente semplice.

“Un milione di fotografie, un esposizione itinerante attraverso gli States”

La Art House Co-op (già ideatrice di “The Sketchbook Project”) ha da poco lanciato il suo nuovo progetto artistico 2.0: “A Million Little Pictures”. Una collezione itinerante di fotografie, provenienti da tutto il mondo. Lo scopo è quello di raccogliere le storie più disparate tramite la fotografia.
Il progetto propone ai partecipanti di scattare 27 foto su un tema prefissato, utilizzando la speciale macchina fotografica che verrà fornita su richiesta dei partecipanti. La fotocamera disporrà di una sola pellicola con 27 pose (nessun ripensamento, nessuna correzione), queste dovranno essere utilizzate per narrare il tema o la storia prescelta dall’utente.

Una volta conclusa la serie, la pellicola dovrà essere rispedita alla Art House (a Brookliyn, NYC), qui verrà selezionata una sola foto per ogni partecipante. Queste foto verranno poi raccolte assieme creando un nuovo inedito racconto. Quello che inizia come centinaia di esperienze individuali termina in una unica avventura comune. Un viaggio fotografico ideato da migliaia di individui estranei tra di loro, racchiuso in una sola esperienza visiva.

La raccolta di foto diventerà un esposizione itinerante che attraverserà gli States da costa a costa a partire da settembre 2011 (per ora Los Angeles, Denver, Atlanta, NY, altre tappe saranno aggiunte nei prossimi mesi). Durante il tour, l’esposizione sarà “tracciabile” via web. L’utente partecipante potrà conoscere ogni spostamento e ogni tappa del tour, seguendo la propria opera. Sarà quindi possibile sapere quante “visualizzazioni” ha avuto, o quanti spettatori hanno acquistato il formato cartolina della propria fotografia.

amlpConcluso il tour (dicembre 2011) tutte le fotografie verranno archiviate presso la Brookliyn Art Library (sede e archivio della Art House Co-op). Le foto saranno raccolte in un volume cartonato che verrà messo in vendita sul sito o presso la BAL. Inoltre, le foto saranno trasposte e archiviate anche nel formato digitale on-line, dando la possibilità agli utenti di condividerle, commentarle o votarle, stimolando il contatto diretto tra l’artista e lo spettatore.
La community come galleria d’arte open source.

Le iscrizioni partiranno il 31 marzo e le foto dovranno essere inviate entro il 15 giugno presso la BAL.
Se adori immortalare momenti, storie, emozioni e attimi di vita vissuta su pellicola, non perdere questa occasione di metterti “in mostra”.

Qui troverai tutte le informazioni sul progetto: http://www.arthousecoop.com/projects/amlp

L'autore

Lascia un commento